Clickbaiting: gli interessi nascosti (o quasi) dietro le fake news

09 Feb 2018 | Attualità, News, Serviz web, Siti web, Social network, Web

La scorsa settimana abbiamo parlato di fake news, analizzando quali sono i tipi più diffusi nel web. Ma perché la rete è così satura di finte notizie e presunti studi scientifici? Il meccanismo che le alimenta è sicuramente il redditizio clickbaiting.

Ecco come un fenomeno dannoso diventa redditizio

Il ritorno economico

Prima di parlare del clickbaiting vero e proprio è il caso di dare uno sguardo al sistema di pubblicità pay per click. Tempo fa, su questo blog, avevamo parlato di come utilizzarlo per ottenere visibilità sul proprio sito. Il pay per click, infatti, è un ottimo sistema per farsi conoscere in rete, sfruttando le parole chiave inserite dagli utenti nella barra della ricerca.

Ad approfittare dello stesso sistema, tuttavia, ci sono anche siti i cui contenuti sono senza utilità se non addirittura dannosi. Come lo fanno? Collegando il proprio sito a piattaforme come Google Adsense, che servono per tracciare gli utenti che cliccano su un annuncio pubblicitario all’interno di un sito. Riconoscendo, infine, il compenso al proprietario.

Cos’è il clickbaiting

Dall’inglese “Esca da click”, il termine indica un contenuto web la cui principale funzione è di attrarre il maggior numero possibile di utenti. Si tratta di un fenomeno davvero diffuso, che ha delle caratteristiche comuni come, ad esempio, titoli accattivanti e sensazionalistici.

Il caso Paul Horner

Ma quanto vale una fake news? In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, l’ormai scomparso Paul Horner parlava della sua vita da narratore di notizie false. O “satiriche”, come amava definirle. E i numeri che raccontava non erano certo da poco: si parlava di qualcosa come 10.000 € al mese. Che sia anche questo un fake? Chi lo sa.

Il dirottamento dell’opinione pubblica

Un fenomeno secondo me non meno importante è quello del dirottamento dell’opinione pubblica, guidata in malo modo da notizie senza alcun fondamento. Sempre nella già citata intervista di Horner, infatti, lui stesso racconta un caso al limite del surreale. In una news apparsa sulle sue testate dichiarava che gli Amish si erano schierati a supporto di Donald Trump nelle elezioni statunitensi. Notizia chiaramente non veritiera, ma che ha scatenato i supporter reali i quali hanno utilizzato la finta notizia per sostenere ulteriormente la causa. Certo, ipotizzare che alla politica le fake news facciano comodo è probabilmente un’esagerazione, ma è altrettanto obiettivo che qualcuno ne tragga vantaggio. Basti pensare alle centinaia di notizie che diventano virali in cui si prende di mira qualche personaggio di spicco al fine di screditarlo, spesso con motivi piuttosto futili.

Come difendersi dalle fake news?

La prossima settimana concluderemo l’argomento sulle notizie false, elencando una serie di “trucchetti” con i quali è possibile individuare la maggior parte di fake news. Vuoi essere sicuro di non perderti gli ultimi aggiornamenti? Registrati alla newsletter CLICCANDO QUI

CERCA NEL SITO

Categorie

ARTICOLI RECENTI

COMMENTI

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *