LinkedIn: il social network delle aziende

13 Gen 2017 | Branding, SEO, Serviz web, Social network, Web, Web copywriting, Web marketing

La scorsa settimana abbiamo parlato dei social network in ottica SEO, citandone i più famosi. Oggi vi parlerò di un social in particolare: LinkedIn. Di cosa si tratta? Quali sono le opportunità che offre? E perché un’azienda dovrebbe usarlo?

LinkedIn: il social network delle aziende

LinkedIn: cos’è

LinkedIn è un social network incentrato sul mondo del lavoro. A differenza dei più comuni Facebook o Twitter, infatti, questa piattaforma nasce già con un target specifico. Su di essa è possibilie creare profili di singoli professionisti o aziendali.

Una volta creato il proprio account si procede a creare la propria rete, ovvero aggiungere fra i propri contatti le persone che si conoscono e con cui si è avuto qualche rapporto professionale (riscontrabile attraverso le esperienze professionali). Ogni utente può completare il proprio profilo aggiungendo il proprio curriculum, progetti importanti e pubblicazioni, competenze professionali. A dare autorevolezza al tutto vi sono poi le recensioni, rilasciate spontaeamente dagli utenti che abbiamo lavorato in almeno un’occasione con il soggetto per cui la scrivono.

LinkedIn rappresenta una rete di professionisti davvero vasta: si pensi infatti che nel 2016 già si contavano 433 milioni di iscritti in tutto il mondo, di cui 9 milioni solo in Italia.

Le opportunità

Sebbene quasi tutti i professioni sappiano ormai di cosa si tratta, non a tutti sono chiare le reali opportunità offerte da questo social network. Eccovi dunque quali sono, a mio parere, quelle più importanti:

  • visibilità nella propria rete;
  • esposizione oltre la rete;
  • indicizzazione;
  • possibilità di pubblicazione;
  • opzioni degli account premium;

Visibilità nella propria rete

Quando si condivide su LinkedIn un link o un aggiornamento di stato, tutta la rete di contatti ha la possibilità di vederlo. Inoltre ogni aggiornamento del curriculum viene notificato a tutta la rete, e gli utenti vengono invitati a congratularsi per la nuova posizione lavorativa.

Esposizione oltre la rete

Se si forniscono contenuti interessanti, scatta il fenomeno delle condivisioni raggiungendo così anche utenti che sono fuori dalla rete. Esistono poi i gruppi di discussione, in cui si può intervenire su argomenti a tema, aumentando così ulteriormente le possibilità di visualizzazione dei propri contenuti.

Indicizzazione

Che Google indicizzi i contenuti interni a LinkedIn è fuori di dubbio. Non serve spendere altre parole a questo proposito per immaginare le potenzialità offerte dall’aumento di traffico.

Possibilità di pubblicazione

Oltre al classico aggiornamento di stato, il social ha messo a disposizione uno strumento totalmente gratuito: Pulse. In sostanza è una piattaforma di blogging interna, attraverso la quale è possibile pubblicare un testo formattato e contenente dei tag.

Opzioni degli account premium

Sebbene l’account base sia gratuito, esistono poi vari pacchetti a pagamento. Hanno in più, fra le altre, delle opzioni di ricerca avanzate e la possibilità di poter comunicare con profili che non sono contatti.

LinkedIn: perché un’azienda dovrebbe usarlo

All’interno di una strategia di web marketing, costruire la propria presenza in rete è la base. E per farlo non è sufficiente avere un proprio sito web, ma è necessario utilizzare tutti quegli strumenti che il web ci mette a disposizione. LinkedIn per un’azienda è essenziale per due motivi:

  • la percezione del brand: ovvero dare ai propri clienti e potenziali tali l’idea di un’azienda con un’immagine consolidata;
  • la visibilità: che sia all’interno della nostra rete o al di fuori di essa, i contenuti su LinkedIn vengono visti mediamente da 21 diverse categorie di professionisti per un totale di utenti davvero vasto.

Ti piacerebbe sperimentare le possibilità offerte da LinkedIn? CONTATTACI SUBITO

CERCA NEL SITO

Categorie

ARTICOLI RECENTI

Perché creare un sito di delivery

BLOG / Nell’ultimo anno c’è stata un’impennata nel mondo del delivery a causa delle pesanti perdite affrontate dai ristoratori ritrovatisi a dover chiudere. Molti hanno deciso di rimanere chiusi e sperare in tempi migliori mentre altri si sono chiesti perché creare un...

COMMENTI

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *